Scarico Fumi Caldaie A Condensazione

Scarico Fumi Caldaie A Condensazione scarico fumi caldaie a condensazione

Oggi, puoi acquistare solo caldaie a condensazione! Premesso ciò, arriviamo al punto: Scarico fumi a parete o canna fumaria a tetto. Ok all'espulsione dei fumi a parete, con l'asseverazione del tecnico. Se acquisti una caldaia a gas a condensazione con basse emissioni NOx. che lo desideri, installare una caldaia a condensazione trovando soluzioni alternative per lo scarico dei fumi e dei liquidi di condensazione. camini, canne fumarie o altri sistemi di evacuazione dei fumi con sbocco sopra il tetto Scarico a parete solo in sostituzione con caldaie a condensazione o. Distanze minime scarichi a parete dei fumi della caldaia da balconi e di installazione degli scarichi a parete delle caldaie a condensazione o.

Nome: scarico fumi caldaie a condensazione
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 64.22 MB

Canne fumarie e camini caldaie a condensazione , canne fumarie , emissioni , impianto termico , riscaldamento , scarico fumi emmegi Scarico a parete? Per quanto sia più o meno consentito in alcuni casi, riteniamo debba essere sempre evitato. E ti spiego perché. Gli scarichi diretti a parete di apparecchi a gas provocano sempre un oggettivo peggioramento delle condizioni igieniche: lo stesso vale per quelli generati dalle moderne caldaie a condensazione.

In questo caso abbiamo a che fare con polveri molto più sottili del normale, quelle più pericolose: PM 2. Una norma specifica, la UNI , indica le distanze minime da rispettare.

Queste modifiche hanno drasticamente ridotto le possibilità di scaricare i fumi a parete.

Nei casi di cui al comma 9-bis è obbligatorio installare generatori di calore a gas che, per valori di prestazione energetica e di emissioni, appartengono alle classi 4 e 5 previste dalle norme UNI EN , UNI EN e UNI EN , e posizionare i terminali di tiraggio in conformità alla vigente norma tecnica UNI , e successive integrazioni.

Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento.

Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare é maggiore o uguale a 5 kW. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate.

Normativa, progettazione, installazione e manutenzione di canne fumarie per caldaie a condensazione

Quando si usa il coassiale? Quando lo sdoppiato? Nel caso in cui si dispone di una canna fumaria è il caso di ricorrere al kit sdoppiatore fumi, ovvero due distinti connettori con i quali vengono collegati la caldaia ed ed il tubo di scarico.

Gli scaldabagni elettrici inquinano meno di quelli a gas? Se scegliete comunque di installare una caldaia non a condensazione fabbricata prima del , per lo scarico a parete della caldaia a gas dovrete dimostrare: che la nuova caldaia ne sostituisce uno rendimento minore installato prima del 31 agosto Della presenza del vecchio generatore deve essere data prova certa, presentando tutte le documentazioni di legge, non basta una semplice prova di acquisto.

In questi casi è possibile scaricare a parete se non esisteva già un sistema di scarico a tetto adeguato alla condensazione, sia esso singolo o ramificato. Se ad esempio la caldaia precedente, non a condensazione, scaricava in una canna fumaria collettiva, la nuova caldaia potrà scaricare a parete se la vecchia canna non è adeguata alla condensazione.

In molti casi, infatti, le vecchie canne fumarie non possono lavorare con le nuove caldaie a condensazione. In questo caso è legittimo scaricare direttamente a parete.

Essi funzionano in modo che, quando la richiesta termica è piccola, si attiva la sola pompa di calore. Quando la richiesta diventa troppo alta, o quando la temperatura esterna scende troppo e la pompa di calore lavorerebbe male, entra in funzione la caldaia, che in questo modo copre solo i picchi di potenza.

In ogni caso, devono essere caldaie certificate ibride compatte, quindi nella scelta deve essere verificato che siano adatte allo scarico a parete.